Melatonina.it

Il primo portale italiano dedicato interamente alle proprieta della melatonina



 CATEGORIA: Suddivisione per Argomento: "umore"
Buongiorno,ho 36 anni e lavoro a turni. Prendo Key kelatonin night da 3 mesi intorno alle ore 23(anche quando faccio il turno di notte),tranne quando mi devo svegliare alle 5 e in questo caso assumo la melatonina intorno alle 22 perchè voglio addormentarmi prima. Ho notato un miglioramento: riposo meglio, riesco a concentrarmi di più e sono più lucido quando cambio la sveglia dalla notte al giorno. Il problema che non sono ancora riuscito a risolvere è che quando alla mattina posso dormire, mi sveglio presto e non riesco più ad addormentarmi: ad es prendo la melatonina alle 23, mi addormento intorno alle 24 e mi risveglio al mattino verso le 6 . In questo caso non riesco a concentrarmi, a volte sono di cattivo umore e a volte ho mal di testa. Premetto che per rilassarmi prendo la sera anche un opercolo di valerina-melissa-passiflora.
In sostanza il mio problema non è prendere sonno, ma cercare di dormire qualche ora in più al mattino.
Se prendo 2 pasiglie di melatonina forse potrei risolvere?
Grazie mille per l' aiuto.
Saluti

Domanda posta da: Roberto ( 13/10/2011)

Gent.mo,

innanzitutto desidererei specificare di essere molto affascinato dalle stupefacenti proprietà che vengono descritte in molti siti web del settore, ed è senza dubbio un validissimo aiuto per una vita sana.
Devo però dire di essere incorso da poco in un articolo, scritto da una dottoressa, che mi ha lasciato a dire poco interdetto: premettendo che, si legge ovunque, la melatonina non arreca effetti collaterali, desidererei che mi spiegasse, e ancora meglio mi commentasse, questo articolo, al fine di giungere ad una verità "vera" che interessa, non solamente me, che desidero assumere melatonina come antiossidante, ma soprattutto per noi tutti.

La sua opinione, sarebbe per me, molto importante.

Ecco l'articolo: Dottoressa ALICE MAZZO .

Melatonina: effetti collaterali e controindicazioni



Effetti avversi della melatonina

Prima di analizzare i possibili effetti collaterli riconducibili all'assunzione di melatonina, diamo un cenno sulla funzione biologica di questo ormone, che ci aiuterà ad inquadrare meglio l'argomento.
•La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale.
•La melatonina è nota per la capacità di regolare i ritmi circadiani, come il ciclo sonno-veglia, svolgendo la sua azione a livello di alcune cellule del cervello.
•L'effetto derivato dalla liberazione della melatonina varia durante il corso della giornata: le sue concentrazioni plasmatiche raggiungono il picco massimo alla sera, mentre la produzione della stessa è molto inferiore alla mattina presto. Ecco spigato il motivo per cui alla sera è favorito l'addormentamento della persona: proprio perché si ha un elevato effetto derivato dalla consistente quantità di melatonina rilasciata.

Molte persone fanno largo uso di integratori a base di melatonina, spesso per il trattamento dell'insonnia primaria: in tal caso la melatonina è assunta da soggetti che, solitamente, superano i cinquant'anni d'età. É stato statisticamente rilevato che anche i soggetti che svolgono turni di lavoro particolari assumono melatonina, poiché il ciclo sonno-veglia è alterato a causa degli strani ritmi di lavoro. Da non sottovalutare, però, una serie di effetti avversi derivabili dall'assunzione di melatonina.
Prima di tutto, il medico o l'erborista devono consigliare una corretta modalità d'uso dell'integratore: sembra infatti che qualora la melatonina venga assunta a distanza troppo breve dal momento in cui si va a dormire, inferiore ad una o due ore, l'effetto sull'organismo potrebbe essere sfavorevole ed il sonno potrebbe ritardare. Questo succede perché non si è dato al corpo il tempo necessario di assimilare la melatonina ingerita.
Come si è capito, se si assume l'integratore appena prima di coricarsi non si avranno certo effetti avversi di notevole entità: certo è, però, che si andrà incontro al rischio di non riuscire a dormire.
A tal proposito, si può comunque tenere in considerazione un altro fattore: l'effetto placebo. Se la melatonina viene assunta poco prima di coricarsi ed il soggetto ritiene di aver assunto l'ormone nella maniera più corretta, l'effetto placebo può essere molto più efficace della melatonina vera e propria; magari può addirittura profilarsi la possibilità di non incorrere affatto al problema dell'insonnia.

Tra gli effetti collaterali di maggior entità, si deve far riferimento alla sonnolenza che la melatonina può creare durante il giorno successivo. Per questo motivo, nel momento in cui una persona si reca in erboristeria chiedendo un integratore a base di melatonina, l'esperto dev'essere in grado di capire il lavoro svolto dal soggetto; infatti, se è dedito ad un lavoro pericoloso durante il giorno, come ad esempio il gruista, e la sera prima assume melatonina, l'effetto avverso "sonnolenza" diventa un vero e proprio pericolo per sé e per gli altri.

Altri possibili effetti collaterali della melatonina, da non sottovalutare, sono la tachicardia e la depressione: è quindi sconsigliabile l'uso della melatonina a chi assume farmaci per il cuore e per la modulazione dell'umore; il parere del medico, in questo caso, è fondamentale.

Tra gli effetti collaterali meno comuni della melatonina si ricordano: psicosi, disturbi del movimento, ipertensione, ansia, irrequietezza, diminuzione della salivazione (secchezza delle fauci), debolezza, fenomeni infiammatori a livello cutaneo, pelle gialla e occhi gialli determinati da una variazione della composizione del sangue.

Anche un aumento del desiderio sessuale, variazioni dell'umore, svenimenti, diminuzione delle piastrine e del sodio nel sangue, sete e crampi notturni sono stati segnalati tra i possibili effetti collaterali, seppur rari, della melatonina.

Talvolta possono verificarsi alcuni effetti avversi come reazioni allergiche o pseudoallergiche: in questo caso è molto improbabile che la reazione sia scatenata dalla melatonina in sé, più logico pensare che sia correlata agli eccipienti presenti nella compressa. Se per esempio un integratore ha come eccipiente il lattosio ed il soggetto ne è intollerante, si dovrà scegliere un altro integratore a base di melatonina che non presenti questo eccipiente.

Per i possibili effetti collaterali, si consiglia quindi di porre molta attenzione all'uso della melatonina:
•se si è allergici (ipersensibili) alla melatonina o ad uno qualsiasi degli eccipienti presenti nell'integratore;
•se la sonnolenza può rappresentare un rischio per la propria sicurezza;
•se si soffre di malattie epatiche;
•se si soffre di malattie renali;
•se si soffre di una malattia autoimmune (per cui l'organismo viene "attaccato" dal proprio sistema immunitario).

Domanda posta da: Gianluca ( 11/09/2011)

Buongiorno, per caso oggi ho letto che la melatonina mi può aiutare a ritrovare il mio sonno. Ho 52 anni e credo di essere in menopausa da marzo. Non ho sintomi se non la mancanza di sonno con conseguente stanchezza di giorno.. Difficoltà di concentrazione, abbassamento dell'umore..Inoltre si sta riacutizzando il mio tallone di achille. La perdita di capelli. Mi ha fatto soffrire una vita ed ora ne sto perdento tantissimi. Sono quasi calva..ho letto che potrà aiutarmi un poco anche in questo..anche se a 52 anni, ormai riesco a guardarmi allo specchio e a sorrridermi, consapevole che ben altre sono le cose importanti nella vita.. :-)..troverò benefici nella melatonina? spero di sì...
Domanda posta da: monica ( 06/09/2011)

A 42 anni a seguito di notevole aumento di peso non giustificato dall'alimentazione ho scoperto di avere problemi tiroidei (Ipotiroidismo di hashimoto con gozzo plurinodulare). Assumo eutirox giornalmente alternando le compresse da 75 e 100. Da quando ho iniziato ad assumere l'eutirox sono in menopausa. Praticamente sono entrata in menopausa da un giorno all'altro, da un ciclo regolare di 28gg sono passata alla totale assenza di ciclo e ad avvertire tutti i disturbi classici della menopausa (Vampate, sonno disturbato, sbalzi di umore ecc). Il ginecologo mi aveva consigliato di assumere la TOS, ma l'endocrinologo me l'ha sconsigliata a vantaggio dei fitoterapici anche perchè sono una forte fumatrice (assumo fitormil omega). Appena entrata in menopausa il mio corpo si è trasformato in brevissimo tempo mi sono venuti fuori un mare di capelli bianchi diventati anche aridi e opachi, tante rughe, ispessimento ed abbassamento palpebrale, mollezza dei tessuti, secchezza vaginale, stipsi, (assumo le 10 erbe) non riesco a dimagrire ed in più il mio girovita si è raddoppiato sembro in attesa al 6 mese di gravidanza. Oltre a quanto innanzi detto sento sempre stanchezza, ho continue vampate, disturbi della vista e problemi di equilibrio, con sensazione di testa vuota, falsa sensazione di movimento ed instabilità nei movimenti, barcollamento. Ho eseguito un controllo osseo e mi è stata diagnosticata osteopenia assumo gocce Dibase . Adesso ho 46 anni e tutti i disturbi suddetti come il primo giorno. Potrebbe essermi d’aiuto la melatonina? E se si quale? ed in quale dose? Ma devo continuare ad assumere fitormil omega, le 10 erbe e le gocce Dibase?
Domanda posta da: Tasha ( 23/08/2011)

Salve,
Ho letto su un sito, tenuto da una dottoressa, le seguenti controindicazioni relative all'assunzione della melatonina: 'Oltre alla sonnolenza, altri possibili effetti collaterali della melatonina, da non sottovalutare, sono la tachicardia e la depressione: è quindi sconsigliabile l'uso della melatonina a chi assume farmaci per il cuore e per la modulazione dell'umore [...]. Vorrei sapere se ciò sia vero oppure no. Grazie.

Domanda posta da: Bruno ( 22/08/2011)

bunasera vorrei sapere se si può prendere la melatonina essendo in menopausa indotta( con decapeptil e tamoxifene) dopo intervento per tumore al seno.grazie

cordiali saluti
Rosella

Domanda posta da: rosella ( 25/07/2011)

Gentilissimi medici,nel vostro forum menopausa ho letto la risposta data ad Elisa il 12.12.2008. Anch'io, come lei ,sono in menopausa chirurgica a causa di un carcinome dell'endometrio in fase iniziale e pertanto, come lei, non posso assumere estrogeni di sintesi e neppure fitoestrogeni vegetali. Ma a me avete consigliato l'utilizzo di key defender 5 mg per alleviare vampate e sonno disturbato, sono stata felicissima di poter comunque iniziare una terapia. Allora perchè con Elisa siete stati molto più cauti e avete rinviato tale decisione ai medici che la seguono?Inoltre ne consigliate l'uso anche alle donne operate per carcinoma mammario(altro tumore ormone-dipendente).Scusate, ma è di vitale importanza apportare chiarezza su tale problematica.Sarebbe possibile ottenere una gentile risposta anche da uno dei vostri validissimi collaboratori specializzati in oncologia?Grazie anche a nome delle moltissime mie compagne di sventura(e siamo davvero tante!)che, come me ed Elisa, desiderano una migliore qualità della vita diminuendo vampate, riposando meglio la notte e sentirsi attive ed energiche come prima. Siamo ancora giovani e siamo sopravvissute a una malattia che fa spavento ma si può curare. Vorremmo sentirci meglio anche grazie alla melatonina, ma non rischiare la vita.
Domanda posta da: grace ( 20/07/2011)

Salve, ho acquistato da voi la melatonina defender da 5 mg., premetto che l'ho acquistata per aiutare persone affette da tumore. Io personalmente soffro di depressione cronica irreversibile e disturbo bipolare associati da problemi di ipertensione e exstrasistoli ventricolari, assumo antidepressivi, alprazolam betabloccanti, poi seroquel e pillola per ipertensione. Mi sono stancato di essere dipendente da questi farmaci e volevo chiedervi se posso usare anch'io la melatonina da voi acquistata e con quale posologia per poter gradatamente eliminare parte di questi farmaci e psicofarmaci.Grazie.
Domanda posta da: Michele.b66 ( 20/07/2011)

Buonasera,
sono interessato alle proprietà della KM Night per l'insonnia,l'umore etc..volevo sapere se la KM Fluid ha le stesse proprietà nonostante l'aggiunta di cromo perchè mi interessano anche le sue proprietà.
grazie
distinti saluti

Domanda posta da: Giuseppe Sabbatino ( 02/07/2011)

Ho 42 anni e da gennaio prendo il trittico 75 mg per migliorare la qualità del sonno, soffro di algie diffuse, ansia, stress, sbalzi d'umore e coliche intestinali. Con il trittico non ho ottenuto risultati positivi apprezzabili ma effetti collaterali come offuscamento della vista,formicolii e perdità di concentrazione, ho ridotto la dose a 2/3 e non riesco ad abbassarla ulteriormente perché mi si ripresentano i disturbi intestinali, l'unica cosa che il trittico mi aveva fatto passare. Come posso sostituire il trittico con la melatonina? Grazie
Domanda posta da: barbara ( 15/06/2011)


Pagine presenti in archivio: [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ] [ 6 ] [ 7 ] [ 8 ] [ 9 ] [ 10 ] [ 11 ] [ 12 ] [ 13 ] [ 14 ] [ 15 ] [ 16 ] [ 17 ] [ 18 ] [ 19 ] [ 20 ] [ 21 ] [ 22 ] [ 23 ] [ 24 ] [ 25 ] [ 26 ] [ 27 ] [ 28 ] [ 29 ] [ 30 ] [ 31 ]

Non hai trovato le risposte che cerchi?
Inserisci la tua domanda

UtenteEmail
Il nome che indichi in utente verrà visualizzato da tutti, puoi utilizzare anche un sopprannome o lasciarlo vuoto, l'email verrà invece utilizzata solo per comunicarti le risposte.

Domanda

A causa di numerosi tentativi di intrusione tramite software automatici dobbiamo chiedervi di inserire manualmente il codice di verifica che vedere nell'immagine nella casella a fianco:

 




Melatonina.it sito internet di proprieta di Clavis srl - Realizzato da InternetSol - Versione inglese Key Melatonin
Altri prodotti Clavis: Garum Armoricum e Magnesio - Key Alghe